DALL’ACCOGLIENZA AL DIALOGO, PER CAMMINARE INSIEME

Riportiamo una riflessione di don Giuseppe, nata come contributo al dibattito suscitato da “Il Cittadino”.

Data la lunghezza di questo intervento, nel giornale sono state omesse alcune frasi che qui di seguito vengono riportate, come parte integrante del testo completo (sono quelle evidenziate in neretto).

Lo scopo di questa riflessione è di suscitare reazioni negative o positive per un dialogo costruttivo, nel comune impegno di “costruire la civiltà dell’amore” (beato Paolo VI).

[button link=”http://www.parrocchieinsieme.org/wp-content/uploads/2015/01/Allegatoinformatore_n.19del-25-01-2015-Dopo-Parigi.pdf” newwindow=”yes”] Scarica L’allegato Intero[/button]


 

Caro Direttore,

nel suo ultimo editoriale leggo: “Noi proviamo a fare il nostro, raccontando nelle città, nelle comunità, nei quartieri come e quanto Parigi abbia cambiato il quotidiano di tutti…”.

Forse, come cristiani cattolici, cioè “universali” è sempre bene ampliare l’orizzonte: insieme alle vicende gravissime di Parigi non si può non accennare alle moltissime tragedie simili: basti pensare alle crudeltà che stanno sconvolgendo la Nigeria (un esempio positivo è stata la proposta di preghiera per la pace, avanzata dalla nostra Diocesi e vissuta in tutte le messe di domenica 18 gennaio). Continue reading DALL’ACCOGLIENZA AL DIALOGO, PER CAMMINARE INSIEME

PREGHIERA del PAPA

In preparazione alla Giornata Caritas possiamo recitare ogni sera questa PREGHIERA del PAPA:

O Dio, ci hai affidato i frutti di tutto il creato
perché possiamo prenderci cura della terra
ed essere nutriti dalla sua abbondanza.

Hai mandato a noi il tuo Figlio
per condividere la nostra carne e il nostro sangue
e insegnarci la tua legge d’amore.
Attraverso la sua morte e risurrezione,
siamo stati costituiti come una sola famiglia umana.

Gesù ha mostrato una grande attenzione
verso coloro che non avevano niente da mangiare,
moltiplicando cinque pani e due pesci in un banchetto
in grado di sfamare cinquemila persone e molti altri ancora.

Veniamo alla tua presenza, o Dio,
consapevoli delle nostre colpe e delle nostre mancanze,
ma anche ricolmi di speranza,
per condividere quel che abbiamo da mangiare
con tutti i membri di questa grande famiglia umana.

Per mezzo della tua sapienza
ispira i capi di governo e i responsabili delle imprese,
così come tutti i cittadini del mondo,
a trovare soluzioni giuste e generose per combattere la fame,
garantendo a tutte le persone
il pieno godimento del diritto all’alimentazione.

Ti preghiamo, o Dio,
perché quando saremo dinanzi a te,
nell’ora del giudizio divino
potremo proclamarci
“Una sola famiglia umana, cibo per tutti”.

Periferia… Luogo Di Scoperta!

Domenica … Dopo La Messa

Domenica scorsa vi abbiamo chiesto di rispondere alla domanda:

“Periferia luogo di… scoperta”? e ora per prima cosa vi diciamo un bel GRAZIE !!!!!!!

Grazie perché anche se eravate un po’ titubanti all’ingresso in chiesa ad accettare quel semplice tappo che vi è stato consegnato sulla porta, poi tutti avete accolto la provocazione, e sulle piazze delle nostre chiese ci avete dato la vostra risposta. Ciascuno ha detto la sua, chi in modo frettoloso e senza pensare troppo, chi fermandosi diverso tempo a osservare le tre alternative prima di mettere il suo tappo, chi volendo precisare con una bella chiacchierata il suo pensiero!

Nell’insieme della comunità pastorale, tra quanti hanno “votato” l’alternativa “periferia-scoperta” o “periferia-isolamento”, emerge una visione che vuole essere di fiducia; della periferia come luogo di opportunità da saper cogliere per crescere. E’ così per San Rocco, SS. Giacomo e Donato e Regina Pacis, mentre Sant’Alessandro ha una percezione di maggiore isolamento.

Ovviamente questo “sondaggio” vale quel che vale e non ci sono risposte giuste o sbagliate, ma può rappresentare uno spunto per cogliere meglio i problemi e le potenzialità presenti nel nostro territorio e da ciò capire cosa è opportuno fare, soprattutto come credenti.

Sono interessanti anche i molti commenti che avete lasciato sul cartellone… tanti pensieri, i più diversi, a volte opposti, a volte simili… per chi fosse interessato il sondaggio e i cartelloni resteranno appesi per qualche settimane in fondo alle nostre chiese, in modo che questa provocazione possa continuare a stimolare il nostro pensiero.